10

decima: nell'antica Roma, era la decima parte del reddito che l'agricoltore doveva all'erario come imposta.
"e di tutto quello che tu mi darai io ti darò la decima." Genesis 28:-22
decima (poesia)

decimare: "eliminare uno ogni dieci". Strumento estremo di disciplina militare.

denaro: dal latino denarius,  da deni "a dieci a dieci", "moneta del valore di dieci assi".  Unità monetaria, presso gli antichi Romani, equivalnte in origine a 10 assi o 2 sesterzî e mezzo.

moda - moderno

- qui - R.Avedon - qui -
«In memory of late Mr. and Mrs. Comfort» 
stessa radice: avverbio latino modo

moderno: or ora, recentemente.

modamodo, foggia, maniera.

Dialogo della Moda e della Morte, Leopardi
....
Moda: Non mi conosci?
Morte: Dovresti sapere che ho mala vista, e che non posso usare occhiali, perché gl'Inglesi non ne fanno che mi valgano, e quando ne facessero, io non avrei dove me gl'incavalcassi.
Moda: Io sono la Moda, tua sorella.
Morte: Mia sorella?
Moda: Sì: non ti ricordi che tutte e due siamo nate dalla Caducità?
....

assoluto - assolvere

assolutoagg. dal latino. absolutus, part. pass. di absolvĕre «sciogliere»
assolvere: v. tr. dal latino absolvere «sciogliere, slegare»
solvere, risolvere, solvente.

utopia

"Questo sappi, c'han trovato l'arte del volare, che sola manca al mondo, ed aspettano un occhiale di vedere le stelle occulte ed un oricchiale d'udir l'armonia delli moti di pianeti."
"...e tengono alcuni vascelli, che senza remi e senza vento caminano..."  Tomasso Campanella, Citta del Sole, 1602

"Abbiamo navi  e imbarcazioni per navigar sott'acqua..."
"Abbiamo costruito anche "case del suono" dove imitiamo e riproduciamo tutti i suoni..." Francis Bacon, La nuova Atlantide, 1624

utopia: neologismo coniato da Tommaso Moro (1516) dal greco Εὐτοπεία e Οὐτοπεία = ottimo luogo che non è in alcun luogo.
distopia: opposto di utopia, cioè un luogo del tutto spiacevole e indesiderabile.

decidere - incidere

qui
decisione: dal latino decīdĕre, formato da de- e da caedĕre cioè "tagliare",  quindi "tagliar via".
contrario: incisione, incidere, "tagliare su...", "lasciare un segno".

...due strade divergevano in un bosco, e io -
io presi la meno percorsa,
e quello ha fatto tutta la differenza.


Robert Frost - The Road Not Taken

delirio

qui

delirio: dal latino lira, "solco", per cui  "uscire dal solco", ovvero dalla dritta via della ragione.

ferie, feriali

Riviera Ligure 1930
Taormina 1920
ferie, feriali: perché feria è festivo e feriale lavorativo? Per i Romani durante le "feriae" si celebrava qualcosa e non si lavorava, con il cristianesimo tutti sono "dies ferialis" = giorni feriali cioè festivi, perché tutti i giorni si celebra un santo ma...lavorando.

ferragosto: da feriae augusti = ferie di Augusto, si celebrava Consus dio latino della terra e dell'agrigoltura,  ricorreva il 21 agosto.

 - stamps - 

auguri


Ottaviano Augusto rappresentato come augure con in mano il lituus
augure: sacerdote dell'antica Roma che aveva il compito di interpretare la volontà degli dèi osservando il volo degli uccelli. L'arte degli auguri era chiamata augùrio o auspìcio. L'àugure, come insegna, aveva un bastone ricurvo a forma di punto interrogativo: il lituo.

Il collegio degli Auguri, assieme ai restanti collegi sacerdotali, finì con l'essere abolito dall'imperatore Teodosio I alla fine del IV secolo.
 

Spirito santo

martin-pescatore-spirito-santo
Lo "Spirito santo" è una particolare tecnica di volo tipica degli uccelli rapaci di piccola taglia o di quelli, come il martin pescatore, che cacciano attivamente.
L'animale con piccoli movimenti d'ali riesce a mantenere una posizione di stallo in un punto dello spazio anche per molti minuti; ciò dipende dal fatto che sono tenute ferme le parti prossimali delle ali mentre sono ruotate velocemente le parti distali: questo permette all'uccello di stare immobile nell'aria, formando una figura che ricorda la tipica rappresentazione dello Spirito Santo nell'iconografia classica di colomba immobile ad ali aperte.

stesso padre...

idiosincrasia: dal greco: particolare temperamento. In italiano: incompatibilità, avversione.
 In spagnolo:  (fedele al greco) caratteristiche (rasgos), temperamento: idiosincrasia andaluza, peruviana ecc.

antologia

 
antologia: raccolta di fiori, dal greco ἄνϑος "fiore" e λέγω "raccolgo"; in latino: florilegium.

da nomi e cognomi

antichi:
accademia: da Academo, eroe greco, eponimo di una localita vicina ad Atene dove si trovava un antico santuario di Minerva,  luogo dove Platone fondò la sua scuola (387 a.C) e fu sepolto. La scuola fu chiusa da Giustiniano nel 529, dopo quasi un millennio, perché pagana.
ammonìaca: di Ammone, perché anticamente il sale ammoniaco si raccoglieva presso il tempio del dio egiziano Ammone, in Libia. (come moneta)
arte cosmatesca
cosmatesca: da Cosmati marmorari romani, appartenuti a quattro diverse generazioni vissute tra il XII e il XIII secolo. Fu Camillo Boito, in un articolo dal titolo Architettura Cosmatesca, pubblicato nel 1860, ad "inventare" l'aggettivo.

draconiano: di Dracone, antico legislatore di Atene, autore del primo codice scritto della città (forse dell’anno 621 a. C.), rimasto celebre per la sua estrema severità.
guelfi e ghibellini: da Welfe e Weiblingen.
Circolo di Mecenate,  di Stefan Bakałowicz,
incubo: da Incubus demone romano.
luculliano: da Lucio Licinio Lucullo,  generale romano, ricchissimo e raffinato; dalle sue campagne in Oriente  importo il ciliegio e l'albicocco.
mecenate: da Caius Maecenas noto cavaliere romano (69 - 8 a. C.), consigliere di Augusto e influente protettore di letterati e artisti.
mentore: da Mentore personaggio dell’Odissea che aiuta e consiglia Telemaco.
ottomano: da Othman, capostipite e primo sultano dell'Impero.
panico: da Pan, era quel timore misterioso e indefinibile che gli antichi ritenevano cagionato dalla presenza del dio Pan.
pergamena: da Pergamo, antica città (oggi  Bergama, Turchia)
stentoreo: dal araldo greco Stentore,  la sua voce era potente quanto quella di 50 uomini dice Omero  nominandolo una sola volta nell’Iliade.

moderni:

biro: dal suo inventore László Bíró e bic da Marcel Bich
boicottare: da Charles Boycott (1832-97)
borsa: dalla famiglia di mercanti veneti Della Borsa (in oland. Van der Burse).
bosone: dal fisico indiano S.N. Bose,
daltonismo: dal chimico inglese John Dalton (1794)
derby: dalla corsa equestre inglese chiamata The Derby, ideata da Edward Stanley, dodicesimo conte di Derby, il 4 maggio 1780 all'ippodromo di Epsom.
do: (nota musicale): da Giovanni Battista Doni (Firenze 1595 - 1647) teorico della musica noto tra l'altro per aver cambiato nome alla nota Ut ribattezzandola Do prendendola dalla parte del suo cognome Doni.
dolby: (sistemi di riduzione del rumore audio) da Ray Dolby
elzevìro è un carattere tipografico, nitido ed elegante, creato nel XVI secolo dall'incisore Christoffel van Dyck per la famiglia di tipografi, ed editori, olandese Elzevier, da cui deriva l'attuale Elsevier.
fregolismo: dal attore trasformista  L. Fregoli (1867-1936), riferito a rapidi voltafaccia nella vita politica.
galvanizzare:  dal nome dello scienziato bolognese L. Galvani (1737-1798).
ghigliottina: dal nome del medico francese J.I. Guillotin, che ne propose l’adozione all’Assemblea nazionale francese (1789).
lapalissiano:  dal nome del maresciallo Jacques de La Palice.
liberty: dai magazzini londinesi di Arthur Liberty, che esponevano regolarmente oggetti d'arte e tessuti disegnati in stile Art Nouveau alla fine del XIX secolo.
linciare: da Charles Lynch (1736-1796) o da William Lynch (1742-1820).
mansarda
mansarda: dall'architetto francese François Mansart (1598-1666), che diffuse in Francia questo tipo di tetto in uso nei paesi nordici fin dal medioevo.


masochismo: dal austriaco Leopold von Sacher Masoch (1836 -1895)
mongolfiera:  dai fratelli Montgolfier.
pullman: da George Pullman (1831-1897)
Rhdalla scimmia  Macacus rhesus, molto utilizzata nella ricerca medica e biologica.
sadismo: dal Marchese de Sade (1740 - 1814)
saxofono o sassòfono: dal suo inventore il belga Adolphe Sax, che lo brevettò nel 1846.
sciovinismo: da Nicolas Chauvin, militare francese dell’impero napoleonico.
silhouette: da Étienne de Silhouette (1709-1767) ministro delle Finanze francese. Fu lui ad inventare l'imposta sui segni esteriori di ricchezza (imposta sulle porte e finestre). Volle restaurare le finanze tassando i privilegiati ed i più ricchi.
stacanovismo: da Stachanov. (1906-1977)

altre - altre -

piante e fiori:

begonia coniato dal botanico francese Ch. Plumier in onore del governatore di Santo Domingo M. Bégon.
bougainvillea: scoperta in Brasile dal naturalista francese Philibert Commerçon, da lui in seguito descritta con il nome del capo della spedizione Antoine de Bougainville.
camelia: da G. Kamel  gesuita, missionario e botanico ceco. (La Camellia sinensis è la pianta del tè).
Fuchsia
dalia:  dal botanico svedese Anders Dahl, allievo di Linneo.  
fucsia: nome coniato dal botanico Plumier in onore del naturalista tedesco L. Fuchs (1501-1566).
gardenia: del botanico scozzese A. Garden. (La gardenia appartiene alla famiglia delle Rubiaceae, la stessa della pianta di caffè).
lobelia omaggio che fece Linneo al botanico belga Matthias de Lobel
magnolia nome coniato dal botanico Plumier in onore di  Pierre Magnol, medico e botanico francese che introdusse la nozione di famiglia nella classificazione botanica. 
mandevilla: da Henry John Mandeville (1773-1861), ambasciatore britannico in Argentina, che ha portato i primi esemplari di Mandevilla   laxa in Inghilterra.
 
musei:

Luca Pitti
Pitti: dal banchiere italiano Luca Pitti - qui - (Musei di Firenze)
Tate: dal magnate dello zucchero Henry Tate.
Thyssen-Bornemisza: del magnate tedesco dell'acciaio Hans Heinrich Thyssen-Bornemisza

paesi e città:

Lanzarote: da Lanzarotto Malocello (1270-1336) mercante, navigatore ed esploratore italiano della Repubblica di Genova, scopritore delle isole Canarie.
                       mensile  Popular Science 
Seychelles:  da Jean Moreau de Séchelles, ministro delle finanze di  Luigi XV.
Sparta: nella mitologia greca Sparta era figlia di Eurota e moglie di Lacedemone.
Venezuela:  diminutivo di Venezia,  nome storicamente attribuito ad Amerigo Vespucci;  dalle abitazioni degli indigeni su palafitte che  ricordavano Venezia.

pace

Irena Sendler
Irenenome proprio femminile, dal  greco antico Ειρήνη  (Eirene), significa pace.  Eirene,  nella mitologia greca, è il nome della dea della pace, una delle Ore, entrata successivamente nel pantheon romano - a partire dal regno di Augusto - con il nome di Pax.
Al maschile Ireneo = pacifico.

irenismo: orientamento teologico che mira alla riconciliazione di tutte le chiese cristiane.

annuire - numen - numinoso

annuire: accennare di sì muovendo il capo. Documentato solo in glosse, e presente nei composti e nei derivati, tra i quali numen, nutus.

nume: presenza del divino. Dal latino numen, che indica un cenno espressivo della testa (da una radice nu-, presente verbalmente in nutus e nei derivati ab-nuo, ad-nuo significanti il diniego e l’assenso),

numinoso: sentire il sacro, il divino. Coniato dal teologo tedesco Rudolf Otto nel 1917.

rare

abbrivo (o abbrìvio): impulso, impeto.
allignare: mettere radici,  attecchire.
anodino: (dal greco = senza dolore) Senza carattere, insignificante.
basito: attonito, svenuto.
belletta: melma, fanghiglia  (qui)
E l'acacia ferita da sé scrolla
il guscio de cicala
nella prima belletta di Novembre
. 
Montale

bruire: frusciare, stormire, mormorare.
Dolci le mie parole ne la sera
ti sien come la
pio
ggia che bruiva

tepida e fuggitiva,
commiato lacrimoso de la primavera 

D'Annunzio

calmiereimposizione per legge di un tetto massimo ai prezzi al consumo per uno o più prodotti, solitamente di prima necessità.
cassare: cancellare, annullare, radiare, anticamente licenziare; da cassare deriva cassazione.
certame: dal latino certare =lottare, gareggiare. Combattimento, gara, contesa. Certame coronario, fu una gara di poesia in lingua volgare ideata nel 1441 a Firenze da Leon Battista Alberti, con il patrocinio di Piero de' Medici, con in palio una corona di lauro lavorata in argento, che non fu però assegnata. 
dimidiato:  ridotto a metà, dimezzato.
discettare: disputare, discutere, trattare a lungo di un argomento.
ebdomadario: settimanale; che si fa o ritorna ogni settimana.Charlie Hebdo 
fola: favola, fiaba, invenzione.
inconsutile: senza cuciture. 
inficiare: invalidare 
lasco:  largo, allentato, fiacco.
onusto:  carico, gravato.
ostendere: mostrare
prodromo: precursore
querimonia : lamento, lagnanza.
svellere:  tirare, estirpare, strappare, sradicare.  
Infuria sale o grandine? Fa strage
di campanule, svelle la cedrina.
 

Montale